Sono più di 1200 gli iscritti alla mia NEWSLETTER. Sono persone che vogliono realizzare i progetti che hanno in testa. Questo è quel che dice chi la legge. Ah, è gratuita.  Tra suggerimenti di libri "particolari", esperienze vissute e considerazioni varie, la newsletter offre strumenti utili da mettere in pratica. Se vuoi iscriverti puoi farlo qui. Una newsletter alla settimana *non tutte le settimane* 

DICE CHI LA LEGGE
"L'ho messa in pratica un minuto dopo" (Antonio Tombolini) - "Attualmente l'unica newsletter italiana che seguo" (Gilberto Cavallina) - "Una newsletter dalla voce umana" (Barry Bassi) - "Anch'io voglio produrre un effetto e cambiare le cose" (Laura Bertoli) 
 
02marzo

Come mai lo facciamo?

Come mai facciamo le cose?
Molti di noi ogni mattina buttano giù "la lista" delle cose da fare durante la giornata.

Personalmente lo faccio per mettere ordine, per ridurre le perdite di tempo, per stare concentrato e non disperdere le energie. È così che giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, anno dopo anno, si diventa più efficienti. C'è un rischio, però, a diventare "troppo bravi nel fare le cose".

Il rischio è che, presi dalla febbre del fare, ci dimentichiamo il perchè, la ragione per cui facciamo quel che facciamo.

A volte, quando il lavoro diventa una droga, può essere una domanda difficile cui rispondere, anche se è l'unica davvero importante. Giorno dopo giorno, se non acquisiamo l'abitudine del chiederci "perchè", diventiamo un po' più robot e un po' meno umani.

Ora, manco a dirlo, c'è un'app che aiuta proprio in questo: a chiederci perchè. E io, ti pareva, me la son già scaricata. Inoltre, per gli appassionati della carta, è collegata a uno straordinario taccuino progettato apposta: BULLET JOURNALE+APP
Nella speranza ti possa essere utile,
Mauro

14febbraio

Cosa è successo?

Ci sono società che quando ti ammali arriva lo stregone e chiede:

quando è stata l’ultima volta che hai danzato?
ricordi cosa ti è successo?
come mai hai smesso?

Io non ho mai conosciuto uno stregone, ma qualche saggio sì.
E ognuno di loro faceva quelle domande lì.

Quando sei adolescente la musica la “senti” forte pulsare nelle vene e poi pian piano non la senti più. Almeno per me è stato così.

Cioè, continui ad ascoltare la musica ma come se non ti riguardasse.
Dentro di te lo sai che qualcosa è successo da quell’ultima volta, da quando il ritmo batteva così forte da non riuscire a stare fermo sulla sedia e neppure in piedi.

Magari è stato un amore rifiutato,
un fallimento,
un bambino non nato,
chissà…

Quando qualcosa ci colpisce forte è facile smettere di essere felici, il dolore a volte è insostenibile e ci sembra impossibile ricominciare.

Ma anche se non ci credi, il sangue continua a scorrere anche se ti sembra di di non percepirlo più.

Il cuore continua a battere anche se non lo senti.

Finché ti muovi c’è la possibilità di ricominciare a sentire,
di innamorarsi,
magari per la prima volta di te e poi, anche,
di qualcun altro, se sei fortunato e felice.

Perché bisogna avere fortuna nella vita, ma anche correre il rischio di gettare il cuore oltre l’ostacolo per lasciare che i piedi ricomincino a sentire la musica e il tuo cuore a danzare.

Questo è il mio invito per l’incontro di Movement Medicine che si svolgerà domenica prossima a Ravenna:

Domenica 19 febbraio, Ravenna
AMORE
Workshop di Movement Medicine con Tamara Candiracci
info: 3355499463

30dicembre

Hai ancora tempo

Io l’ho fatto.
È terapeutico.
E hai ancora tempo.
L’anno che sta per iniziare sarà più ricco se lo accoglierai con una zavorra in meno.
Mauro

21novembre

La passione rende concreto il desiderio

Perché scrivere? Ci sono già tanti troppi libri in giro e ora con gli ebook e il selfpublishing ancora di più. Per questo molti pensano che sia inutile scrivere.

Ci sono tantissime ragioni, invece, per farlo. Molte di queste le narra in questo video che raccoglie l'intervento di inaugurazione della scuola di scrittura Holden uno dei più grandi raccontastorie in circolazione: Cristiano Cavina, romagnolo e pizzaiolo.

Cristiano parla dello scrivere ma in realtà parla del "saper stare al mondo" senza rinunciare alla fonte della propria passione. Che per alcuni è la scrittura, per altri è l'alzarsi al mattino per andare al lavoro con il sorriso sulle labbra per fare quello che hanno sempre voluto fare. (LEGGI TUTTO)

10novembre

C'erano una volta nove meccanici...

Nel 1919, all'indomani della prima guerra mondiale, a Imola, in una piccola città della Romagna, 9 meccanici decidono di mettersi insieme per lavorare e decidono di farlo "in un certo modo".

In un modo che prevedeva l'assistenza fra di loro e anche ai loro familiari.


In quegli anni il lavoro non c'era, ma c'erano la soppressione violenta degli scioperi che sfoceranno nel fascismo e nell'omicidio Matteotti. C'era, tra le altre cose, un'epidemia micidiale che mia nonna ricordava ancora e che venne chiamata "La Spagnola". Una epidemia che provocò più di mezzo milione di morti nella sola Italia e milioni in tutto il mondo.

Quei nove meccanici e i loro discendenti sono passati attraverso il fascismo, la miseria seguita alla crisi del 1929, alla distruzione della seconda guerra mondiale e hanno dato vita a una grande impresa cooperativa che è la SACMI.

Non avevano un centesimo delle possibilità e delle conoscenze che abbiamo noi oggi. Oppure l'hanno fatto.

Ora tocca noi. Perchè la soluzione ai casini di oggi, non può essere individuale, ma anche di comunità.

PS
Conosco bene le degenerazioni del movimento cooperativo, spesso rappresentate nel modo peggiore dall'attuale ministro del lavoro Giuliano Poletti. Di lui e anche del modello emiliano della cooperazione non mi importa granchè, dello spirito, e della forza dei 9 meccanici solidali del 1919, invece sì.

 

25maggio

Pubblicare un libro è come iniziare una nuova relazione. Bisogna farlo bene

Florence Writers Publishing Day
Appunti dal Florence Writers Publishing Day

Qualche giorno fa ho partecipato a un incontro rivolto a scrittori con l’ambizione di pubblicare il proprio libro in inglese e, quindi, di rivolgersi a un pubblico globale anzichè al ristretto mercato nazionale.

(LEGGI TUTTO)